Azienda USL1 imperiese - homepageLogo PAQ per una pubblica amministrazione di qualità Azienda USL1 imperiese
24 novembre 2017 -  19:36
mappa help contatti pec e protocollo link posta aziendale
Azienda USL1 imperiese - homepage
03/11/2017 - "ADMO Imperia" dona un nuovissimo monitor multiparametrico per il SIT

Un nuovo monitor multiparametrico è stato donato oggi dall’ADMO di Imperia al Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIT) dell’ASL1 Imperiese.
Questo pomeriggio, presso le sale del centro trasfusionale dell’Ospedale di Imperia, si è tenuta la presentazione dell’importante apparecchiatura elettromedicale che l’Associazione Donatori di Midollo Osseo (ADMO Imperia) ha gentilmente donato al SIT dell’ASL1 Imperiese.
Alla presenza del direttore dalla Immunoematologia e Medicina Trasfusionale, Clemente Mazzei, del direttore generale Marco Damonte Prioli e della vicepresidente della Regione Liguria ed assessore alla Sanità, Sonia Viale sono state illustrate le caratteristiche e gli usi clinici di questa importante strumentazione.

Si tratta di un monitor multiparametrico portatile, poiché è dotato di una maniglia che consente di trasportarlo facilmente da un ambiente all’altro. Grazie a queste caratteristiche, sarà possibile utilizzarlo, all’interno del centro trasfusionale, indifferentemente sia sui pazienti che sui donatori. Il monitor multiparametrico è infatti in grado di misurare, ad intervalli regolari impostati dall'operatore, alcuni parametri vitali come la pressione arteriosa, la frequenza cardiaca, la saturazione dell'ossigeno e grazie ad un apposito cavo paziente anche l’elettrocardiogramma.

"Questa innovativa strumentazione, completamente automatizzata -  ha spiegato il dr. Mazzei - è fondamentale per tenere sotto controllo i parametri vitali in particolare in pazienti che ormai con una certa frequenza si sottopongono a trattamenti terapeutici particolari, come le procedure di plasma-exchange che durano un paio d'ore e consentono in maniera selettiva o semiselettiva  la rimozione dal plasma del paziente di sostanze patogene o sostanze tossiche che, per le loro dimensioni, non sono eliminabili con le usuali procedure dialitiche. Questo monitoraggio continuo dei parametri vitali permette al medico ed all’infermiere di intervenire tempestivamente qualora si modifichino in maniera significativa tali valori, sia durante la procedura sia al suo termine prima di dimettere il paziente."

"Ringrazio sentitamente a nome dell’ASL1 , l’Associazione Donatori di Midollo Osseo - ha dichiarato il dr. Damonte Prioli - per la sensibilità e la generosità  di questo importante gesto. L’ apparecchiatura di ultimissima generazione che è stata oggi donata a questo centro contribuirà ancor di più alla qualità dell’assistenza dei pazienti e dei donatori che con il loro gesto altruistico contribuiscono, ogni anno, a salvare moltissime molte vite umane, aumentando la speranza e la qualità di vita di pazienti con gravi patologie".

"La Liguria - ha affermato la vicepresidente Viale - pur essendo una regione piccola, non è seconda a nessuno. Abbiamo molte eccellenze, anche nella nostra sanità e, tra queste, voglio ricordare il Registro nazionale dei donatori di midollo, che ha sede a Genova e con cui l’Admo collabora attivamente, svolgendo un ruolo fondamentale di sensibilizzazione sul territorio. Per questo voglio ringraziare l’Admo e tutti i donatori che ogni anno, fortunatamente, aumentano. Come Regione Liguria - ha concluso - metteremo tutto il nostro impegno per difendere, presidiare e valorizzare le eccellenze sanitarie presenti sul territorio".

Alcuni dati relativi all’attività del SIT
Presso il SIT dell’ASL1 vengono effettuate circa 300 procedure all’anno di aferesi terapeutica (o plasma exchange plasma-exchange, è una procedura terapeutica che permette la separazione della componente liquida del sangue (il plasma) dalla componente cellulare e la rimozione di sostanze in esso presenti.
Vengono inoltre effettuate ambulatorialmente ogni anno oltre 1000 trasfusioni di sangue,  a pazienti anemici o piastrinopenici,  pazienti in terapia anticoagulante orale o in terapia con i nuovi anticoagulanti (NAO) orali. Presso il SITdell’ASL1 Imperiese vengono inoltre raccolte ogni anno circa 1500 donazioni di sangue o plasma.

Si ricorda che per diventare donatori è necessario essere maggiorenni, di peso non inferiore a 50 chilogrammo, pressione arteriosa di almeno 110/80 e valori di emoglobina adeguati. Per diventare donatori bisogna presentarsi al SIT esprimere questo desiderio dopo di che il candidato donatore compila un questionario dove sono riportati elementi relativi al suo stato di salute. Il donatore effettuerà un colloquio riservato con il medico e, se ritenuto idoneo, verrà sottoposto ad un piccolo prelievo di sangue necessario per l'esecuzione dei cosiddetti esami pre-donazione ed ad un elettrocardiogramma. Se tutto è OK , a distanza di 15 giorni il candidato donatore verrà invitato a presentarsi al SIT di Imperia per la iniziare donazione propriamente detta. Per Info 0183 537 400.