centralino unico 0184 5361112 numero unico emergenzaChiama il numero verde del CUP 800098543 - numero unico prenitazioni telefoniche

Al via anche nel Distretto Sanitario Imperiese, i prossimi 14 e 15 settembre, una campagna vaccinale straordinaria itinerante nei paesi della Valle Arroscia.

Le vaccinazioni saranno effettuate negli ambulatori comunali dei municipi che saranno toccati dal tour vaccinale di Asl1.

Pertanto il prossimo 14 settembre, con richiamo previsto il 12 ottobre, la squadra vaccinale di Asl1 sarà nei comuni di Borghetto d’Arroscia, Aquila d’Arroscia, Ranzo, Vessalico, e Armo in orario pomeridiano.

Mentre il 15 settembre, con richiamo previsto il 13 ottobre, presso gli ambulatori comunali di Rezzo, Montegrosso Pian Latte, Mendatica, Cosio d'Arroscia, Pornassio e Pieve di Teco sempre in orario pomeridiano.

È bene ricordare che l'utenza, d'ogni fascia d'età, residente nei comuni citati, può prenotare il proprio turno per la vaccinazione, da lunedì 6 settembre a venerdì 10 settembre dalle 9 alle 13 e il martedì 7 settembre e il giovedì 9 settembre, dalle 15 alle 17, telefonando allo 018336278 o inviare una e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

“La campagna vaccinale di Asl1 torna in Valle Arroscia – ha sottolineato il Dottor Carlo Amoretti Direttore del Distretto Sanitario Imperiese  - per permettere a chi non l'avesse ancora fatto di vaccinarsi. La vaccinazione, assieme alla prevenzione, è uno degli strumenti che abbiamo per contrastare il virus e per tornare ad una vita normale. Pertanto oltre a ringraziare i comuni della Valle Arroscia per la loro collaborazione, rinnovo l'invito a tutti coloro che ancora non l'avessero fatto, di vaccinarsi per il bene loro e dei propri cari”. 

“Dopo l’iniziativa annunciata nei giorni scorsi, sempre in Asl1, del camper vaccinale - commenta il presidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Giovanni Toti - vogliamo continuare a rendere sempre più agevole la vaccinazione per la popolazione, con una particolare attenzione a tutti coloro che risiedono nell’entroterra e nei borghi più piccoli, ma pensando anche a tutte quelle persone che potrebbero avere più difficoltà a raggiungere i grandi hub allestiti per la campagna vaccinale. Voglio ribadire ancora una volta il mio appello alla vaccinazione: è l’unica strada a nostra disposizione per tornare alla normalità, evitare lutti e nuove chiusure”.

torna all'inizio del contenuto