centralino unico 0184 5361112 numero unico emergenzaChiama il numero verde del CUP 800098543 - numero unico prenitazioni telefoniche

Dipartimento di Prevenzione
Struttura Complessa Igiene Alimenti e Nutrizione
Direttore sostituto: Dott. Giorgio Maria Naclerio
Settore: Ispettorato Micologico
Sede: Va Aurelia n. 97, 18038 Bussana di Sanremo (Im).

I Tecnici della Prevenzione Micologi: Corrado Bonato, Gian Mario Martini, Marco Ferretti, Rolando Franchi e Paolo Quitadamo. Per avere qualsiasi informazione su:

  1. Corso di formazione ed Esame di idoneità per il riconoscimento delle specie fungine da vendere e da somministrare
  2. Orari per sottoporre i funghi da vendere o somministrare al controllo micologico, con rilascio della certificazione di commestibilità
  3. Orari per sottoporre al controllo micologico i funghi raccolti o ricevuti in regalo

si può contattare la Segreteria (aperta al pubblico dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle ore 12.30)
Telefono: 0184/536868; fax: 0184/536067 o, eventualmente, i Micologi presso la sede di Bussana di Sanremo: 0184/536833 – 830; Imperia: 0183/537 625 - 633

Le attività istituzionali

  1. Certificazioni per commercializzazione e somministrazione:
    Rilascio di certificazione di commestibilità dei funghi epigei spontanei (importo stabilito da D.G.R n. 1197 del 04/10/2013 e s.m.i.: in € 1,20 a cassetta sino a 5 kg di peso per i funghi freschi; € 0,30 per l’eccedenza di peso, per ogni Kg in più; € 1,50/kg; (per i funghi secchi).
  2. Consulenza per privati raccoglitori - autoconsumatori: 
    Controllo gratuito dei funghi raccolti o ricevuti in regalo.
  3. Esami di idoneità al riconoscimento dei funghi per commercianti e somministratori: Organizzazione di esami di idoneità alla vendita ed alla somministrazione di funghi freschi spontanei e di porcini secchi sfusi, consistenti in una prova scritta (20 domande a risposte multiple) ed in una prova orale (domande personalizzate a seconda delle specie fungine che si intendono commercializzare o somministrare; domande sulla normativa di settore) con rilascio di attestazione d'idoneità (importo stabilito da D.G.R. n.1197 del 04/10/2013 e s.m.i. in € 102,00).
  4. Consulenza a strutture ospedaliere di emergenza in occasione di presunti casi di sospetta intossicazione da funghi - (vedi tabella allegata sotto)
  5. Controllo ufficiale dei funghi in commercio.


L'attività didattica

Corsi di formazione per commercianti e somministratori: Organizzazione di corsi di formazione propedeutici all'esame di idoneità alla vendita ed alla somministrazione di funghi freschi spontanei e di porcini secchi sfusi (importo di € 210,00, comprensivo di tre ore di lezione con proiezione di diapositive; acquisizione della dispensa; esame di idoneità; rilascio di attestazione di idoneità).

Al fine di sensibilizzare l'opinione pubblica circa il pericolo legato al consumo di funghi tossici o mortali, e per informare i cittadini della possibilità di usufruire gratuitamente, in vari punti sul territorio, della consulenza dei micologi della ASL, per una sicura identificazione dei funghi raccolti per autoconsumo.

Tricholoma equestre (cicalotto o ciucotto giallo)

  1. Con Ordinanza del 20 agosto 2002 il Ministro della Salute ha stabilito il divieto di raccolta, commercializzazione e conservazione del fungo epigeo spontaneo denominato Tricholoma equestre
  2. Il provvedimento è stato adottato a seguito di segnalazione, nella letteratura scientifica, di 12 casi di avvelenamento in Francia, con tre decessi per rabdomiolisi, collegati al consumo di tale fungo
  3. La rabdomiolisi è una condizione in cui un grave danno muscolare causa il rilascio nel sangue di un pigmento tossico, la mioglobina, che accumulandosi può essere causa di insufficienza renale. Se il danno renale non viene individuato e non si interviene con opportuni trattamenti, si può arrivare alla morte. I dolori ed i crampi muscolari, che sono tra i primi sintomi di rabdomiolisi, possono essere dovuti a cause diverse
  4. Da giugno 2004 anche la Francia ha stabilito un analogo divieto a quello vigente in Italia.

Amanita caesarea (ovolo buono; fungo reale)

  1. Ai sensi della normativa vigente ( Legge n. 352/1993) è vietata la raccolta allo stadio di Ovolo chiuso di Amanita Caesarea;
  2. Questo divieto ha una duplice funzione:
    • tutelare la salute del raccoglitore e/o del consumatore finale, in quanto allo stadio di ovolo chiuso possono sorgere confusioni pericolose tra Amanita caesarea (fungo pregiato ed ottimo commestibile) ed Amanita phalloides (fungo velenoso mortale);
    • impedire che l'Amanita caesarea si estingua. Infatti il fungo allo stadio di ovolo chiuso è ancora immaturo; se si raccoglie l'Amanita caesarea ( e qualsiasi altro fungo) in questo stadio si impedisce di fatto che il fungo giunga a maturazione e quindi che disperda le spore, fenomeno indispensabile per la riproduzione.
    • Nonostante il divieto di raccolta è invece possibile in Italia la commercializzazione e quindi la vendita dell'Amanita caesarea allo stadio di ovolo chiuso, ma esclusivamente per i funghi provenienti dall'estero.

torna all'inizio del contenuto